Libero scambio tra Svizzera e Cina!

La Svizzera e la Cina hanno firmato il 6 luglio 2013 a Pechino un accordo di libero scambio per agevolare i rapporti commerciali tra i due Paesi. L''intesa con Pechino è il risultato di due anni e mezzo di trattative nate per favorire gli scambi. La convenzione rappresenta, infatti, un passo importante per la politica estera, in quanto andrà a regolare circa il 95% delle esportazioni, riducendo i dazi doganali e facilitando il commercio.

Accordo tra Cina e Svizzera per il libero comercioIl 4 settembre il consiglio Federale ha adottato l'accordo sul libero scambio, aprendo così nuove possibilità di sviluppo dell'economia elvetica, potenziando l'accesso all'ampio mercato cinese, in forte crescita, oltre a migliorare la protezione della proprietà intellettuale e la sicurezza giuridica per gli scambi economici. L'accordo, infatti, prende in considerazione disposizioni circa la concorrenza,il trasporto e la circolazione delle merci, la promozione degli investimenti, la trasparenza nei settori degli appalti pubblici, oltre che questioni ambientali e di cooperazione economica e tecnica. Nell'intesa non si fa menzione, invece, ai diritti umani.

Il testo è stato accolto positivamente dalle aziende elvetiche, che dovrebbero trarne numerosi vantaggi, in particolare rispetto a tutti i Paesi che non hanno alcun accordo con la seconda potenza economica mondiale. La Svizzera esporta soprattutto orologi e prodotti chimici e farmaceutici, mentre da riceve soprattutto tessuti e macchinari a uso industriale. La Cina, inoltre, è diventata negli ultimi anni leader per il mercato tecnologico, come produttrice di pannelli solari o turbine eoliche vendute a livello mondiale.

Ma la Cina rappresenta di fatto il terzo partner commerciale (dopo l'Unione europea e gli Stati Uniti) del Paese elvetico, con un continuo aumento dei volumi degli scambi. Basti pensare che nel 2011 la Svizzera ha investito circa 5, 3 miliardi di franchi, oltre 13 miliardi di investimenti diretti (vale a dire l'1,3% dell'insieme delle partecipazioni svizzere all'estero) e che dal 1990 le esportazioni si sono moltiplicate per venti. L'accordo porterà quindi un notevole aumento di scambi commerciali sia a livello di importazioni sia di esportazioni, con nuove regole e facilitazioni per le procedure doganali e di trasporto.

Devi organizzare un
trasporto internazionale?

Scopri il nostro servizio

Spedizioni internazionali: +41 91 695.17.77
Spedizioni nazionali Italia: +39 0371 76.04.64

Desideri avere maggiori informazioni o un preventivo sui nostri servizi?

Fatti richiamare!

Lasciaci il tuo numero, verrai richiamato IMMEDIATAMENTE!

(*) campi obbligatori

A quale numero vuoi essere contattato? Inserire il prefisso internazionale, ad esempio per l’Italia 0039xxxxxxxxxx
Di chi dobbiamo chiedere?
Come si chiama l’azienda?

Per inviare la richiesta digita i caratteri visualizzati nell'immagine.


Dichiaro di aver letto e di accettare l’Informativa ai sensi del GDPR 2016/679

Il Servizio RECALL è disponibile dal lunedì al venerdì dalle 9 alle 18.